Vai al contenuto

Teoria Musicale – Parte 4 bis: il solfeggio ritmico

Probabilmente è errato inserire questo articolo nella categoria Teoria Musicale, visto che quello che ci riserva è una dimostrazione pratica di quello che abbiamo imparato negli articoli “il valore delle note” e “il punto di valore“. Ma tutti i numeri che abbiamo visto in questi due articoli non servono a innescare nel discente una conoscenza profonda. In effetti, per capire quello che c’è nel profondo di quei numeri, non c’è cosa migliore di esempi pratici, perciò questo articolo si integra molto bene con la teoria musicale.

Il solfeggio

Prima di tutto è giusto sapere cosa è il solfeggio: molto brevemente, consiste nel dire ad alta voce e a tempo le note su un pentagramma. Esistono due tipi di solfeggio: parlato e cantato.

Nel solfeggio parlato si leggono i nomi delle note sul pentagramma ad alta voce, a tempo e con il ritmo scritto; nel solfeggio cantato, non si leggono solo i nomi delle note, ma queste vengono anche intonate. In entrambi la mano deve eseguire alcuni movimenti per scandire il tempo, ma per ora basta che tu lo porti battendo la mano sul tavolo.

In questo articolo eseguiremo una variante del solfeggio parlato, cioè il solfeggio ritmico. Infatti useremo solo una nota, cioè il DO nel terzo spazio del pentagramma, la quale non dovrà essere intonata.

Iniziamo!

Prima di tutto dobbiamo decidere un tempo: quello che ho scelto io, e che userò nei prossimi esempi, è di 50 semiminime al minuto, quindi un battito è uguale ad una semiminima. In musica il tempo si segna sopra il pentagramma in questo modo (figura 1):

figura 1

Nell’audio 1 sentirete alcuni battiti di un metronomo elettronico impostato a 50 (cioè 50 battiti al minuto):

audio 1: metronomo impostato a 50

Semiminima, minima e semibreve

Nei prossimi audio sentirete prima due battiti di metronomo, poi l’esecuzione con il pianoforte delle figure prese in esame, accompagnato sempre dal metronomo.

Semiminima – valore: 1/4

quattro semiminime

Minima – valore: 2/4

due minime

Semibreve – valore: 4/4

una semibreve

Croma e semicroma

Passiamo alle figure più strette: la croma e la semicroma.

Croma – valore: 1/8 (in un battito ne entrano due)

quattro crome (due battiti)

Semicroma – valore: 1/16 (in un battito ne entrano quattro)

otto semicrome (due battiti)

Per chi sta alle prime armi e non riesce a scandire in modo uniforme queste due figure, potrebbe essere d’aiuto pronunciare, per le crome, una parola da due sillabe (figura 2), e per le semicroma, una da quattro sillabe (figura 3).

figura 2: un battito ogni due crome
figura 3: un battito ogni quattro semicrome

Il punto di valore

Nei prossimi esempi vi mostrerò prima una rappresentazione grafica di un ritmo, poi un audio con una esecuzione pratica.

Minima con il punto + semiminima = 3/4 + 1/4 (figura 4, audio 4)

figura 4
audio 4

Semiminima con il punto + croma = 3/8 + 1/8 (figura 5, audio 5)

figura 5
audio 5

Per capire meglio l’esempio ascoltato nell’audio 5, basta dividere la semiminima con il punto e la croma in quattro parti (figura 5 bis). La semiminima con il punto prende tre parti, la croma una.

figura 5 bis: la X indica il punto dove batte il metronomo

Croma con il punto + semicroma = 3/16 + 1/16 (figura 6, audio 6)

figura 6
audio 6

Come per l’esecuzione delle semicrome, anche con l’esempio ascoltato nell’audio 6 è utile scandire in mente una parola di quattro sillabe in modo uniforme nel battito: la croma con il punto prende la durata di tre sillabe, la semicroma l’ultima sillaba. Nella figura 6, la nota DO va detta in LA e CE di “lavatrice”, e MI e SE di “milanese”.

Altri esempi

Prima di concludere, mi è doveroso fare alcuni esempi pratici di alcune figurazioni ritmiche che dovresti conoscere. Se hai capito bene il meccanismo, questa parte ti servirà solo per fare pratica, e quindi interiorizzare meglio l’aspetto teorico.

Semiminima + 2 crome = 1/4 + 1/8 + 1/8 (figura 7, audio 7)

figura 7
audio 7

Croma + 2 semicrome = 1/8 + 1/16 + 1/16 (figura 8, audio 8)

figura 8
audio 8

Croma con doppio punto + biscroma = 7/32 + 1/32 (figura 9, audio 9)

figura 9
audio 9

Semicroma + croma con il punto = 1/16 + 3/16 (figura 10, audio 10)

figura 10
audio 10

Ora prova a scrivere tu una breve figurazione ritmica, ed eseguila pronunciando la nota DO, e battendo il tempo con la mano sul tavolo. Io ti aspetto, come sempre, nel prossimo articolo di questa categoria, nel quale imparerai ad organizzare questi valori in misure chiamate “battute”.

<— IL PUNTO DI VALORE /-/-/-/-/ BATTUTE E TEMPI —>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *